“Forgotten Spaces – All That is Left Behind” Venezia, Hotel Danieli


Penelope sta lavorando a diversi progetti molto importanti.

LogoForgottenSpaces

 

 

FORGOTTEN SPACES
All That Is Left Behind
Hotel Danieli, Venezia

 

Dal 23 Luglio al 12 settembre 2015

FORGOTTEN SPACES All That Is Left Behind è un’avventura alla ricerca di luoghi nascosti di Venezia e a caccia di immagini inedite di una città che è luogo di transito di molti ma percorso segreto di pochi. Un viaggio insolito di scoperta, ma anche un documentario da…documentare ad ogni passo.

L’artista esplorerà la città alla ricerca di spazi e oggetti rimasti celati alla vista dei milioni di visitatori che regolarmente fotografano Venezia; spazi e oggetti protetti e coperti dalla particolare conformazione labirintica delle strade del centro. Il percorso di Penelope verrà testimoniato interamente da video e fotografie che diventeranno parte integrante della mostra. Il documentario e le immagini illustreranno il viaggio alla ricerca di stanze, giardini, cortili, soffitte e cantine rimasti chiusi e abbandonati nel corso dei secoli.
Le fotografie documentative saranno esposte e utilizzate come base per la creazione di opere pittoriche e/o naturali.
Forgotten Spaces diventerà anche un libro e un video.

Lounge, Hotel Danieli, Venezia
Sopra: Lounge, Hotel Danieli, Venezia


Sopra: Terrazza, Hotel Danieli, Venezia

La mostra presso l'Hotel Danieli verrà presentata durante il periodo della Biennale d'Arte 2015
La mostra presso l’Hotel Danieli verrà presentata durante il periodo della Biennale d’Arte 2015

Perché FORGOTTEN SPACES?
Venezia è fatta di labirinti interni ai palazzi. Siamo davvero sicuri che i muri che dividono le stanze delle case siano condivisi da luoghi completamente abitati? E se oltre quelle pareti ci fosse una stanza dimenticata da più 300 anni…Cosa ci sarebbe? Quali oggetti sarebbero rimasti in attesa?
È sicuramente possibile che da una generazione all’altra si sia persa la proprietà di una casa, che piano piano sarebbe divenuta terra di nessuno! Possibile che qualcuno abbia murato una stanza per nascondere segreti mai rivelati. Possibile anche che quelle stanze contengano oggetti che mai saranno scoperti. Quante stanze di questa natura saranno sparse per una città come Venezia, totalmente labirintica in ogni sua conformazione? Prendendo le mappe catastali dei palazzi storici di Venezia chissà quanti “buchi neri”, quanti misteri di cui nessuno si è accorto…persi come sempre nelle nostre piccole vite che vedono solo ciò che l’occhio è abituato a vedere.
E allora non ci chiediamo mai perché dietro certi muri non si senta mai alcun rumore…
E ancora: giardini segreti, fruibili solo da poche persone, osservabili da pochissimi occhi. E dimore storiche di cui le famiglie si sono dimenticate. Luoghi capaci di sorprendere coi loro stucchi dorati e le splendide decorazioni.
Quanti segreti è capace di contenere uno spazio che ormai è stato osservato e vissuto da milioni di persone? Quanto è ancora in grado di sorprendere una città che ha talmente tanti luoghi segreti che si potrebbe passare una vita a cercarli?